loading...
Home / Esteri / Alta tensione tra Serbia e Kosovo , falliscono le mediazioni

Alta tensione tra Serbia e Kosovo , falliscono le mediazioni

loading...

Alta tensione tra Serbia e Kosovo , falliscono le mediazioni

Si rompe la coalizione di governo a Pristina tra la maggioranza albanese e la minoranza di lingua serba, che si prepara a creare nel nord del Paese un'”unione dei comuni” osteggiata dall’esecutivo di Thaci: nessun risultato finora nella trattativa con il leader di Belgrado Vucic .

Si riaccende al massimo la tensione tra Serbia e Kosovo, uno dei piú pericolosi focolai di tensione nell’ex Jugoslavia e nei Balcani. Il partito della minoranza serba nell’esecutivo kosovaro al potere nella capitale Pristina è uscito dalla coalizione in cui era insieme alle forze della maggioranza albanese, a seguito di gravi incidenti. E si prepara a costituire nel nord del Paese, abitato in maggioranza da popolazione di lingua serba, un’unione dei comuni serbi del Kosovo, ODS. Cosa che Pristina rifiuta, dicendosi pronta a reagire con misure energiche. Immediata la risposta di Belgrado: noi siamo pronti a nostra volta a difendere i diritti della minoranza serba a costituire la ODS con la sua autonomia.

I rapporti non sono mai stati buoni da quando, poco piú di dieci anni fa, a seguito della sconfitta militare della Jugoslavia di Milosevic contro la Nato e della vittoria del cosiddetto Esercito di liberazione del Kosovo (Uck) l’ex provincia di maggioranza albanese cui Milosevic aveva tolto lo statuto di autonomia ha proclamato la sua indipendenza. Quasi tutti i paesi del mondo la riconoscono, ma si rifiutano di farlo, oltre alla Serbia, la Russia (con diritto di veto al consiglio di sicurezza Onu), la Spagna, la Slovacchia e alcuni altri. “Noi difenderemo i diritti della ODS”, ha sottolineato la premier serba Ana Brnabic. La crisi è precipitata da quando i negoziati bilaterali per la normalizzazione, pochi giorni fa, sono stati interrotti, e il capo-negoziatore serbo Marko Djuric è stato arrestato ed espulso dalle autorità kosovare. I tentativi dei presidenti serbo, Aleksandar Vucic, e kosovaro, Hashim Thaci, di trovare compromessi, tentativi incoraggiati dalla Ue e soprattutto dall’alto rappresentante per la politica estera Federica Mogherini, sono dunque al momento falliti. I falchi delle due parti sono tornati al peggiore linguaggio.

Il ministro della Difesa serbo Vulin ha persino detto: “Thaci fuggiva davanti all’esercito jugoslavo, se necessario dovrà strisciare oggi o domani davanti all´esercito serbo”. Secondo molti osservatori diplomatici occidentali la Russia di Putin soffia sul fuoco

in questo caso come in tutti i balcani occidentali, incoraggiando le ali piú radicali delle forze politiche panslave, russofile antioccidentali. I Balcani rischiano dunque di tornare terreno di confronto per le sfere d’influenza tra Ue e Nato da un lato contro il Cremlino dall’altro.

Tratto da fonte (qui)

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Catena Umana

loading...

Check Also

IL NUOVO PARADISO PER GLI ITALIANI?? IL PORTOGALLO!!! Pensioni SENZA Trattenute!

loading... Il racconto del giornalista Paolo Ziliani da Cascais, comune portoghese situato nel distretto di …

loading...

Lascia un commento

loading...